Crea sito

pane dolce fritto (antica Roma)

Pane dolce fritto (Aliter dulcia)

Questo dolce viene da Apicio[1]. A renderlo tipicamente romano è l’uso del miele, che era il dolcificante di gran lunga prevalente. Lo zucchero infatti, pur essendo noto, era raro e proveniva da oriente, come le spezie, che però erano molto usate (dai ricchi). Dunque non è solo questione di difficoltà di reperimento, ma di gusto e, in effetti, nel medioevo, pur essendo i mercati sostanzialmente gli stessi e, in certi periodi, più ristretti, il miele è poco usato, mentre lo zucchero trova largo impiego sia nei dolci veri e propri che nell’agrodolce; sempre che ce lo si potesse permettere, altrimenti si ricorreva a frutta secca, succo di frutta ecc., comunque più che al miele.

Riguardo al pane, per questa ricetta ne occorre un tipo con la mollica, dunque lievitato, a differenza di quello descritto in questo sito (vedi ricetta). Il fatto è che a Roma il lievito era noto ma non molto diffuso, dunque il pane non lievitato era quello comune. Il fatto di usarne uno lievitato e morbido era un tocco di raffinatezza di questi dolcetti.

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 fette di una pagnotta grossa, tipo pane di campagna;
  • Latte q.b.;
  • Olio extra vergine d’oliva o altro olio per frittura;
  • Miele.

Preparazione:

Togliere la crosta al pane e tagliarlo a quadratini. Inzupparlo nel latte. Friggerlo in abbondante olio bollente. Dopo averlo asciugato, passarci sopra del miele.

[1] Vedi ricetta minestra d’orzo e costine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.